Il Vesuvio ed i piani di evacuazione insufficienti

National Geographic pubblica un articolo dal Titolo “Vesuvio”,  e spacca in due il mondo dei Vulcanologi e degli esperti tra quelli che ritengono imminente la prossima disastrosa eruzione, e quelli che gridano al falso allarme. National Geographic parla di un eruzione molto più violenta di quella che seppelli’ Pompei ed Ercolano nel 79 d.c.

National Geographic (che non ha alcun interesse se non l’ attendibilità scientifica di cui si fa fregio nel mondo, cosa che dovrebbe caratterizzare tutti gli organi di informazione), richiama l’attenzione sui piani di evacuazione previsti per un eventuale eruzione del vulcano. I piani di emergenza non vengono aggiornati oramai da 5 anni e  quelli esistenti non tengono in considerazione un eruzione di forte entità.

Così si scatena il putiferio e le reazioni delle amministrazioni locali, che affermano, che se ci sono studi nuovi debbano essere messi a disposizione della protezione civile altrimenti si evitino inutili allarmismi.

Cioè “gli amministratori locali” intimerebbero  National Geographic a non fare studi e riportarne i risultati alla comunità scientifica per non turbare la “normale amministrazione” di questi comuni, che sono troppo indaffarati e concedere, omettere e chiudere un occhio e talvolta entrambi sullo scempio edilizio compiuto alle falde di uno dei Vulcani più pericolosi al mondo?

Ridicoli, ma questi sono gli amministratori che abbiamo purtroppo, amministratori cha in cima alla lista delle loro “virtù” hanno la capacità di programmare al massimo per i prossimi 20 minuti, litigando tra fazioni di cui non si intuisce alcuna differenza programmatica ed ideologica, se non quella dei numeri di conto corrente destinatari di quelle destrezze.

E’ così, la nostra società oramai è un treno che viaggia a 400 all’ora contro la montagna, con i passeggeri ferocemente aggrappati ai sediolini. National Geographic sopravviverà (come tutte le cose non fittizie) a questa intimazione di farsi una carriolata di cazzi suoi, chi forse non sopravviverà sono le 600000 persone che abitano nei 18 comuni della zona rossa e tutta la città di Napoli, che non è prevista nel piano di emergenza.

Ma si sa come la Jervolino chiede le scuse all’ambasciatore Usa per averli messi in guardia dal pericolo rifiuti in Campania, Francesco Borrelli dovrebbe esigere le scuse di National Geographic, per aver fatto degli studi sul Vesuvio ed averli divulgati.

Per i nostri amministratori i rifiuti non portano malattie, il Vesuvio non erutterà mai, ed il grosso problema di Napoli è il “traffico”.

feliceiovino

Annunci

Info ommaigod
In Italia se chiedi equità e giustizia sei un Comunista. Tuttavia, penso che non si debba essere necessariamente un comunista per essere Antifascista.

2 Responses to Il Vesuvio ed i piani di evacuazione insufficienti

  1. Snem says:

    Hai completamente ragione. Ho più fiducia in National Geographic che in tutta l’amministrazione della res publica napoletana, campana e italiana. Almeno NG cita fonti scientifiche (napoletane, italiane ed internazionali) e non l’assessore provinciale all’Urbanistica come fa il Mattino di Napoli…

  2. Gaetano says:

    Perche non si comincia con l’aiuto di email ad avvertire la popolazione e magari fare opera di convincimento a traslocare ? Come si fa ad evacuare 700 mila abitanti con le strade che abbiamo e danneggiate dal terremoto che accompagnera’ l’eruzione ??
    gaetano ponticelli Bruxelles

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: