VIttorio Sgarbi: “anche io e la Russa frequentavamo la Tulliani”.

Al presidente della Camera, Gianfranco Fini, ci mancava solo l’intervista al settimanale A di VIttorio Sgarbi, che racconta “anche io e la Russa frequentavamo la Tulliani”. Ora il quadro è più che completo. Una chiacchierata del critico d’arte con la direttrice, Maria Latella, che non spicca per eleganza ma aggiunge un pezzo di storia non ignorabile al Montecarlo gate.
Ebbene sì. Sgarbi confessa: l’attuale compagna di Fini “frequentava anche me e il collega di partito di Fini, Ignazio La Russa”.

Vittorio Feltri, e la sua deontologia

Vittorio Feltri usa la mano pesante contro Famiglia Cristiana: ‘Va allo sbaraglio ……….sbraita dal suo pulpito sempre piu’ piccolo………partecipa con foga alla rissa politica come un qualsiasi fogliaccio di partito’.

A Vittorio Feltri rispondo che è l’ultima persona al mondo a poter parlare di deontologia dell’informazione in quanto palesemente al servizio non del giornalismo e dell’informazione, ma del suo unico padrone Berlusconi.
Feltri non farebbe il direttore in nessun altro giornale o altro organo di informazione, senza che Silvio vi abbia messo le sue mani sopra.
Abbia almeno la bonta di starsene zitto e mimetizzarsi (se proprio non ce la fa ad impiccarsi (giornalisticamente))

http://ping.fm/N6gVr

http://ping.fm/EUzrF

PRESENTAZIONE MOLTITUDINE INARRESTABILE DOPPIATO IN ITALIANO

YouTube – PRESENTAZIONE MOLTITUDINE INARRESTABILE DOPPIATO IN ITALIANO.

Nulla è per sempre

Niente è per sempre.

Checco Zalone – I circhi della Libertà zelig 16.11.2007


Da Zelig del 16.11.2007, Luca Medici (alias Checco Zalone) in “I circhi della Libertà”

V’ammeretate ‘o RRe’ (meritereste il re)!

…. eppatapì e patapà….. discarica si, discarica no, il bello è che chi non vi conosce bene potrebbe anche credervi. La democrazia, il comunismo “alla napoletana”, poi davanti ai cazzetti di ognuno si smette di pensare e si diventa il peggio del peggio.

La politica è finta (“FAKE”) e le mie esperienze politiche sono terminate tutte con la stessa considerazione: “ognuno pensa ai cazzi suoi”, e persino l’essere più insignificante quando lo metti li, diventa feroce e te lo vuole mettere nel culo.

ho smesso di sorridere, ho smesso di salutarti, ho smesso. ho smesso perchè non riesco a capire come la verità possa essere comprata, e soprattuto perchè anche gli uomini e le donne in cui ho creduto, alla stretta dei fatti mi hanno sorriso e mi hanno detto “ma tu over fai?” ed allora ho capito che era tutto inutile, il potere è solo una farsa che va in scena tutti i giorni ed ha due attori: quelli che mangiano a sbafo e quelli che digiunano ad oltranza, che a loro volta se mangiassero a sbafo sarebbero ancora peggio dei primi.

La Democrazia è una grande balla. Non è mai esistita. Esiste chi ha il potere economico e chi non lo ha. L’assetto Democratico lo decide il denaro. Insomma comanda chi ha piu soldi. Senza che ci giriamo intorno. Cosi ogni tanto assistiamo alla presa per il culo di un elezione, soldi spesi, voto di scambio, voti comprati, da tutti, anche da chi recita la parte del paladino dei diritti fondamentali, è solo facciata, è solo apparenza.

Poi dall altra si sgomita per fare i capopopolo, ma se non sei scaltro anche li è dura. così  vengono fuori i paraculi anche nei movimenti popolari.

Meetups di Beppe Grillo, fine di un sogno

Come  previsto tutti i movimenti, senza uno sbocco, dopo un po implodono su se stessi, così succede al movimento dei Meetups di Grillo, che oltre a due Platonici quanto inconcludenti VDay, che hanno registrato una buona partecipazione popolare sulla scia di un malcontento diffuso, non hanno saputo dare risposte politiche all’emergenza democratica Italiana.

Con il primo V day abbiamo alimentato il camino di Marino per un bel po, con il secondo ci faranno camionate di carta igienica in quanto incostituzionali.

Il problema è la composizione di quei gruppi, troppo spesso affollati da anarcoidi, che cercano solo un bersaglio dove sfogare le proprie frustrazioni, il tutto senza una proposta alternativa, il tutto rimanendo bendati, (spesso leggete sono dei nomi come nick name mai dei cognomi).

La proposta è andare oltre Grillo, selezionando dei gruppi attivi iniziali con persone di capacità e talento nei vari campi.

Il primo evento il 28 Giugno.

STAY TUNED