Dio e Cristo sono altrove. cristo day.

Non è ancora finito il calvario dei cittadini di sinistra, che hanno visto per tutta la legislatura un Mastella, odiato da tutta l’Italia, tranne il suo caro 1% con il quale si “ingroppava” prodi e tutti gli elettori del centrosinistra tutti i santi giorni.
Adesso vuole correre alle elezioni, senza leggi elettorali che darebbero il giusto peso al suo 1% spremuto tra la valle di Ceppaloni e le centinaia di accordi fatti nei luoghi più disparati dell’Italia per alcuni dei quali è statp indagato dalla procura di Catanzaro, con gli scandali che tutti ben conosciamo.
L’Italia nel frattempo è cambiata, si è svegliata, non è contenta, non ama i suoi politici (a ragion veduta), invece questi ultimi non sembrano rendersene conto.
Cuffaro si dice contento perchè è stato condannato solo per “concorso esterno” alla mafia, e che nonostante l’interdizione perpetua ai pubblici uffici resterà li dov’è, a fare il presidente della Regione Sicilia, poichè nessuna legge glielo vieta. Siamo arrivati al “raccapricciante”. Ve la immaginate la faccia di Cuffaro sui Tg Europei e le emozioni che può suscitare un presidente di una regione “in odore di mafia” ai cittadini tedeschi, inglesi e francesi? Immaginate quando lo vedono tutto contento per che è stato condannato “solo per concorso esterno alla mafia” a
5 anni di reclusione e per tale motivo non si dimetterà dai suoi incarichi?
Per non parlare di Napoli dove “il normale ciclo dei rifiuti (:))” accumula oramai per le strade delle vere e proprie Piramidi, nella completa inerzia degli organi competenti. I quali nonostante la scandalosa gestione della cosa pubblica, rimangono aggrappati alla loro funzione (poltrona, si capisce meglio?), con l’arroganza di chi sta gestendo la sua proprietà privata. Ed invece no, procedendo per assurdo quelle cariche esigono trasparenza, capacità, onore e dignità.
E guarda caso nella maggior parte degli scandali (tranne quelli napoletani dove la causa è solo l’inbaronimento dei soggetti in questione) ci sono sempre di mezzo persone che si vanno poi a nascondere dietro a qualche “tonaca”, professandosi “cristiani cattolici”.
Il caso Udc, il caso Udeur, le logge calabresi, fanno tutte capo a soggetti (tutti ex demoCRISTIANI riciclati) che parlano spesso in nome e per conto del Vaticano, organismo plurimillenario, che periodicamente diventa la vera serpe nel seno della nazione Italiana (se mai è esistita).

Il servilismo al Vaticano è il loro “nullaosta” per continuare imperterriti a saccheggiare l’Italia con vere e proprie scorribande.

Ma che fine fanno i soldi assegnati ai “dipendenti del vaticano” spesso eletti in circoscrizioni meridionali dove l’ignoranza e l’indigenza  hanno percentuali da terzo mondo? Soldi che dovrebbero ridurre il Gap tra meridione e resto del mondo, soldi che dovrebbero portare servizi pubblici, infrastrutture per le aziende, creare occupazione, creare reddito, scambi, finiscono nelle tasche di questi farabutti sponsorizzati dalla Chiesa.

Ma voglio procedere anche per assurdo e cominciarmi a fare qualche domanda:

  1. Se io fossi un ente che manipola la volontà e le coscienze, e fossi così radicato sul territorio da poter sussurrare in uno orecchio a persone ben disposte il nome di un candidato, lo farei?
  2. E se io avessi tale potere, su questa terra di conquista sguinzaglierei 4 o 5 “dipendenti (veri non quelli di Grillo)”?
  3. Un vero affare, perchè i dipendenti si pagano da soli, basta che io chiudo gli occhi sull’immoralità delle loro gesta e li accolgo sotto la tonaca nei momenti di difficoltà.

Ognuno di noi è prima cristiano e poi cattolico. Ma se devo associare Mastella e Cuffaro alla mia fede, significa che Dio e Cristo sono altrove.

VOGLIO UN C-DAY !!!! (cristo day)

Annunci

Cosa sarebbe Cristo se fosse nato negli anni 60-70?

Procediamo per assurdo e pensiamo che “il Messia”, il figlio di Dio, non fosse nato 2007 anni fa, ma tra gli anni 60 e 70, vogliamo fare in Italia? Facciamo a Napoli. Certo e’ un po difficile immaginare un Cristo contemporaneo, lo farei nascere nel 1963, boom industriale, da famiglia proletaria, padre falegname (pensionato alfa sud :)), quartieri popolari (grotta), e lo stesso modo, la stessa etica di vedere il mondo, la stessa coerenza (e’ morto in croce per coerenza). Cosa penserebbe della camorra? Accetterebbe di conviverci, accetterebbe i suoi compromessi? Accetterebbe di farsi raccomandare per lavorare per sopravvivere? Cosa penserebbe dei politici, cosa penserebbe del voto di scambio, cosa penserebbe della corruzione dilagante, e soprattuto dell’intolleranza , (era lui che diceva che siamo tutti uguali?)

Sarebbe un disoccupato, che se gli e’ andata bene forse fa il precario, se la camorra non lo ha gia’ ammazzato.

E’ piu’ difficile essere Cristo oggi, comunque vada morirebbe lo stesso.

feliceiovino

Andrea Rivera, sei un vero coglione!

Da la Repubblica: “L’Osservatore romano giudica come “vili attacchi” quelli pronunciati dal palco durante il Concertone di ieri a Roma, e paragona le parole di Andrea Rivera, uno dei conduttori, a un gesto di “terrorismo”. Dal palco di San Giovanni Rivera aveva attaccato il Papa, e la Chiesa che “non si è mai evoluta”: “Non sopporto che il Vaticano abbia rifiutato i funerali di Welby. Invece non è stato così per Pinochet, per Franco e per uno della banda della Magliana” aveva scandito al microfono”. 

L’attacco dell’Osservatore. Il quotidiano della Santa Sede equipara le parole di Rivera a un atto “terroristico”: “E’ terrorismo alimentare furori ciechi e irrazionali contro chi parla sempre in nome dell’amore. E’ vile e terroristico lanciare sassi, questa volta addirittura contro il Papa, sentendosi coperti dalle grida di approvazione di una folla facilmente eccitabile”. 

 Del resto lo stesso direttore di Raitre Paolo Ruffini, unitamente ai segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, si sono prontamente dissociati da quanto detto da Rivera.

Considerazioni:

Rivera sei un un Coglione. Ma non perchè non hai detto cose veritiere…. Ma perchè sei  andato ad immolarti sull’altare sbagliato, (come del resto facciamo tutti noi coglioni, quando ci viene data l’occasione di immolarci :).  “Andrea, non riceverai nessun monumento, almeno per i prossimi 220 anni”, almeno finchè non si compirà il nuovo ciclo democratico in italia (monarchia-tirannia-democrazia-oligarchia), e la chiesa sarà ancora li a decidere sull’evoluzione del nostro paese, non secondo i canoni cristiani (che sono quelli della tolleranza, del vivere in pace, essere socialmente solidali, di apertura e amore verso gli altri), ma secondo quelli del Tempio, attento a non perdere nemmeno una briciola del potere accumulato. E gestire l’unione fondamentale su cui si basa tutta la società e scandirne i vari momenti è un enorme potere, sul quale la Chiesa non farà mettere le mani a nessuno. In Europa si è approvata una legislazione in materia di convivenze civili che in Italia non verrà mai attuata perchè siamo governati ed amministrati  dai pupazzi del Clero.  E la morale è sempre quella: chi procura i voti? Siamo certi che il clero non gestisca il voto dei propri fedeli (i quali sarebbero ben felici di assecondare il volere divino)? E se, “procedendo per assurdo”, fosse il clero a procurare i voti a molti degli eletti nelle istituzioni civili, ti sembra possibile che gli eletti non onorino l’aiuto ricevuto schierandosi dalla parte del volere ecclesiastico? Non ti sembra strano che persino i sindacati, che dovrebbero rappresentare la parte laica del paese, quella dei diritti fondamentali e della difesa delle classi piu deboli, ti abbiano fatto terra bruciata intorno? “Rivera? E chi lo conosce!” Eppure hai detto una cosa vera, incontestabile. Non ti sembra strano che si va verso una legge elettorale che sa di “partito unico”con sbarramenti per le minoranze che avranno sempre meno diritti e meno voce in capitolo in nome della “governabilità del paese”. Perchè il nostro è un paese difficile da governare perchè è già governato, attraverso lunghi fili che muovono “pupazzi”.
Tu sei vivo, non hai fili, sei sfuggito al controllo dei “pupari” ed hai detto una cosa che non si doveva dire (non in Italia), così potrai calare il tuo bel cartello di “fine delle trasmissioni” e sta sicuro che non finirai nemmeno nell’elenco dei “martiri della comunicazione”, perchè non servi a dimostrare che c’è in atto un attacco alla libertà di informazione. E poi sei andato a toccare una cosa trasversale: la chiesa!

Provolino ed il Vaticano

Ve lo ricordate Provolino? Lo so è una reminescenza del passato, fa parte della preistoria della comunicazione televisiva. Insomma se non lo ricordate vi spiego cos’era: era un pupazzo che veniva mosso da un ventriloquo (Raffaele Pisù) che lo faceva parlare. Bè questo personaggio televisivo degli anni 60 ha fatto epoca.  Sulla faccenda dei diritti alle coppie di fatto stiamo scoprendo una chiesa che vuole comprimere i diritti delle persone, e cerca di andare pericolosamente verso il fondamentalismo cristiano. Facciamo attenzione a questa tendenza, la religione deve essere una scelta spirituale, non un imposizione. Oramai la chiesa ha imparato ad esprimersi attraverso i Provolini*, li fa intervenire in parlamento, li fa intervenire in talk show tv, e li vedi, sai che hanno capito cosa vuoi, ti condividono nel profondo, ma non possono tradire la mano che gli da il cibo: il Vaticano.

*http://www.fnada.it/images/buttiglione.jpg cfr. con Guarda l’immagine nelle sue dimensioni reali.